Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.leonearte.com/home/config/ecran_securite.php on line 259
Desarlo Adriano - Leonearte
Leonearte
 
Home > Artisti > Desarlo Adriano

Desarlo Adriano


Adriano Desarlo nato a Milano il 23,06,1976

Titoli di studio

- Diploma di disegnatore d’interni e collaboratore d’ufficio tecnico ( Architettura d’interni).
- Frequenza triennale Liceo Artistico Hajech (Milano).
- Ha collaborato con l’artista scultore Emanuele Viscuso
(creazione di “solid music” e trompe l’ oil).
- Esperienza di quattro anni come disegnatore meccanico e operaio metalmeccanico.

Esposizioni:

Rai Televisione Italiana( ha esposto numerose volte anche nel Padiglione Rai Fiera, per la Trasmissione “Quelli che il calcio” Regia (Paolo Beldì), Presentatrice “ (Simona Ventura).

- Spazio Sirin (Milano) via Vela, 15. ( Pagina web sul sito della galleria).
Famiglia Artistica Milanese

- Progetto Wurmkos Tana - Villa Croce ( Genova) e pubblicazione di un opera sul catalogo 2002.

- Galleria Eustachi, via Eustachi, 33 Milano

- Premio Critica Galleria Eustachi, XXXV Anniversario di Fondazione
Canovi Arte -Milano - Riconoscimento Artistico – Anno 2012

- Art Cafè - Casteggio (Pavia)

- AtaHotel Expo Fiera (Pero) - Mostra permanente.

- Galleria “IL LEONE” di Ginco Portacci (Roma)

- Collettiva Bottegart Firenze. Pubblicazione catalogo galleria.

- Pubblicazione Arte Mondadori Giugno 2013

- Mostra di un anno presso galleria “Arone & Arone” di Locri.

- Premio Internazionale Baronessa Maria Lucia Soares (Palazzo della Regione Lombardia di Milano).



Milano, 05 Febbraio 2005

Piace vedere nelle opere del giovane Adriano Desarlo la presenza d’uno spirito significativo ed altero, teso a fare della propria pittura la matericità d’un costrutto artistico nella dimensione d’una “ricerca” che non nasconde una sua evoluzione interiore, al di la dei soggetti proposti e realizzati.

Soggetti che di per se si equiparano nell’alveo d’una tecnica compresa tra oli, tempere, acrilici, pastelli e altre materie, e dove l’immagine evidenzia un complesso di colori riflettenti il senso d’uno studio personale, quell’andare “ in uno spazio senza confini” nella realtà di tinte sognanti e sognate.

Ma soprattutto vive in ciascuna tela la passionalità d’una sensazione motoria tale da conferire ad ogni cosa pensata, l’unicità d’un processo compositivo, caldeggiato da emozioni interiori, dal piacere di tessere in linguaggio nuovo sulla via d’u dipingere contemporaneo e gradevole.
Un dipingere, a nostro avviso, che promette bene in funzione proprio dell’essere “parte integrante” direaltà commisuranti il senso d’una specificità assai definita ed altrettanto consona ai canoni d’una arte nella quale

L’autore ha inteso esprimere il proprio credo.
E per usare le parole dello stesso: “ spinto dall’eterna inquietudine di chi è alla ricerca di una dimensione d’oblio che fa capo al riscoprire le nostre più arcane origini, mi racconto attraverso opere informali.
Dunque “rappresentazioni informali”, nel pregio, però d’una sensitività che non trascura “piccoli e pazienti momenti di vita” sofferti e sereni, tutta la naturalità d’una proiezione intima e particolare, maturata nel silenzio e nella priorità di elevare la “materia” nella purezza d’un colloquio intimistico, dai risvolti caldi ed intensi di verità.

Luciano Giuseppe Volino



Premio Critica
XXXV Galleria Eustachi
XXXV Anniversario di Fondazione
Milano, 26 Giugno, 2005

Quella di Adriano Desarlo ha il sapore di un’arte primordiale, non ancora filtrata, levigata o addomesticata. Toccata da un accento di misteriosa primitività, la materia è la protagonista delle opere di questo pittore.
I colori, come lava multicromatica da un vulcano eruttata, si confondono e si fondono con la tela, sulla quale si posano come fosse terra selvaggia.

Accostamenti audaci, e tuttavia raffinati quali solo in natura sorgono, si ritrovano nelle tele del Desarlo; essi paiono riflettere i primordi del mondo, quando la forza degli elementi dava forma al visibile e fanno di queste tele un soggetto in sé: il tramite tra l’animo universale e l’interiorità dell’artista.

Ester

Home | Contatti | Mappa del sito | Area riservata | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 info visites 90128