Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.leonearte.com/home/config/ecran_securite.php on line 259
Destro Gianni - Leonearte
Leonearte
 
Home > Artisti > Destro Gianni

Destro Gianni

LE CREAZIONI DI GIANNI DESTRO

-  Scultore dell’acciaio -

Gianni Destro è nato a Mesola (FE), ma abita a Taglio di Po (RO).

Autodidatta, è passato dal disegno alla pittura, dalla scultura in legno all’arte orafa, in un percorso artistico ed umano, dettato dalle circostanze della vita.

I suoi iniziali incontri con alcuni scultori ed artisti l’hanno portato a comporre sculture in legno e successivamente si è indirizzato verso la creazione di gioielli in oro e in argento.
Ha aperto in paese una gioielleria, creando modelli vari.
Nel suo attivo, tuttavia, c’è anche la costruzione di modelli e stampi per giostre e parchi giochi: preparava prima un modello in argilla, di seguito elaborava uno stampo sul modello e poi estraeva le sue creature in vetroresina. Una di queste è il mitologico centauro.
Ancora adesso si vedono questi modelli presso giostre e bar per la gioia dei bambini; ha anche lavorato presso un azienda di giocattoli.
Ha creato, riciclando pezzi vari, un telescopio, vincendo un premio ad Ostellato (FE) nel 1998.

La rivista di astronomia “Coelum” ha riportato un articolo sul telescopio, esposto anche ad una mostra a Forlì.
Un artista, Gianni Destro, nato con le capacità e la voglia di produrre con le proprie mani oggetti, modelli grandi e piccoli, pratici ed eleganti; con un esperienza nel campo della creatività ad ampio raggio.
Ha lavorato in Germania presso gli Hangar della Nato durante li anni 80; precedentemente era impiegato in una ditta di elettrauto, aprendo poi, un attività di carburatorista.

Ha frequentato corsi di fisarmonica con il maestro Egi Pregnolato, ha imparato a suonare il pianoforte ed anche ad accordarlo con le sue abilità innate, presso la ditta “Castellan” di Padova.
Chiuso il negozio, il destino lo porta ad un altro importante incontro con i costruttori di coltelli in metallo damascato. Con questo acciaio inossidabile e particolare per le sue lavorazioni, ha ricominciato a creare “gioielli”; creature che richiedono tempo e attitudine. Sono soggetti e animali: la croce, le stelle, la farfalla, il serpente, gli ovali ed altro.
Questo metallo, detto acciaio damascato (usato dai guerrieri vichinghi e longobardi per le loro armi) richiede a caldo molte piegature, un po’ come il pane che viene manipolato più prima della cottura.
Anche questo metallo viene piegato e ripiegato ad alte temperature su se stesso, stratificando i vari metalli.
Il nome “Damasco” ci riporta alla città di damasco, capitale della Siria, la cui popolazione originaria era di stirpe semitica orientale.
In questo metallo si notano le lavorazioni simili alla seta damascata, realizzata con filati diversi, tanto da ottenere contrasto tra lucido ed opaco.

Destro ha cercato e cerca nelle sue creature l’armonia, il rapporto tra il vuoto e il pieno, l’eleganza delle forme, talvolta la tecnologia del ritmo e l’importanza della struttura.
È probabilmente, un esigenza interiore che lo porta ad ottenere equilibrio e bellezza della materia, qualunque essa sia, dando vita a realtà artistiche degne di ammirazione.
L’artista ha portato le sue opere in mostra ad Albarella, in agosto, in diverse occasioni, e le porterà ancora per farle ammirare dagli intenditori e dagli appassionati di oggetti d’arte.

Roberta Fava

Home | Contatti | Mappa del sito | Area riservata | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 info visites 87818